Blog

Novità, informazioni e aggiornamenti utili per aumentare la produttività della tua attività.

Zucchero bianco, di canna o di canna integrale: facciamo chiarezza.

bionutrimed_consiglia_quale_zucchero_usare_tra_bianco_di_canna_e_canna_integrale
Lo zucchero, al di là dei cucchiani utilizzati da chi il caffè lo predilige dolce, è presente in moltissimi alimenti che consumiamo quotidianamente. 
Lo studio Bionutrimed oggi vi parlerà dei diversi tipi di zucchero in commercio e delle loro differenze.

Zucchero bianco e zucchero di canna: quali sono le differenze

Chiamato anche saccarosio, è costituito da due molecole, il glucosio e il fruttosio. Lo zucchero viene estratto dalla barbabietola da zucchero dove si utilizzano i fusti della pianta, oppure dalle canne da zucchero dove invece si utilizzano le radici. Avremo quindi lo zucchero che comunemente vediamo nelle nostre tavole oppure lo zucchero di canna, ma entrambi sono saccarosio allo stesso modo.

Le differenze tra i due tipi di zucchero sono date principalmente dal diverso tipo di raffinazione.

Lo zucchero bianco presenta tale colore perché subisce una serie di processi di purificazione che dividono le sostanze zuccherine da quelle che non lo sono e allontanano le cosi dette "impurezze" che presentano un colore giallo-marrone. Solo dopo diversi processi di raffinazione avremo lo zucchero bianco che usiamo spesso nella nostra alimentazione quotidiana.

Lo zucchero di canna, invece, pur presentando gli stessi processi, è sottoposto a un numero minore di gradi di purificazione: non tutte le sostanze presenti vengono eliminate, e sono proprio quelle che permettono allo zucchero di canna (o zucchero grezzo) di avere un colore più brunastro.

La presenza di queste sostanze, però, è possibile solo nello zucchero estratto dalle canne da zucchero perché il loro sapore è più gradevole rispetto alle sostanze invece estratte dalla barbabietola da zucchero.

Quindi, se lo zucchero bianco può essere sia estratto dalla barbabietola, sia estratto dalla canna da zucchero, lo zucchero di canna no. Entrambi, inoltre, presentano il tipico aspetto granulato.

Se l'apporto calorico è all'incirca uguale, a cambiare lievemente sono alcune sostanze quali sali minerali e fibre in seguito a una minore eliminazione di queste sostanze.

Lo zucchero integrale di canna

Lo zucchero che più differisce tra questi tre è lo zucchero integrale di canna.

Il processo con cui si ottiene è diverso perché si passa direttamente dal succo estratto dalla canna di zucchero alla cristallizzazione senza alcun processo di purificazione. Si comprende così come questo zucchero sia ricco di sostanze poco zuccherine che lo rendono leggermene meno calorico e dolce rispetto agli altri zuccheri, ma è anche più ricco di amminoacidi, fibre e sali minerali, rendendolo così un alimento meno classificabile come generatore di calorie vuote.

La presenza delle sostanze non eliminate gli conferisce il tipico aspetto scuro e meno granulato, con una consistenza che si avvicina a quello della farina.

Quale zucchero preferire nella nostra dieta?

Nonostante queste premesse non esiste uno zucchero che faccia meno male o che ci aiuti a dimagrire. Che sia zucchero bianco, di canna o integrale, in quantità non controllate qualsiasi alimenti, zucchero compreso, danneggia il nostro organismo. In particolare il saccarosio aumenta la glicemia nel sangue e di conseguenza la produzione di insulina.

Nella nostra dieta quotidiana possiamo preferire lo zucchero integrale di canna perché presenta sostante nutritive maggiori, ma non saranno due cucchiaini di zucchero al giorno, bianco o no, a cambiare drasticamente la situazione.

Oltre alla moderatezza con cui consumare questo alimento, è importante anche tenere a bada gli ingredienti dei cibi che giornalmente consumiamo nella nostra alimentazione. Lo zucchero, infatti, viene aggiunto in tantissimi alimenti, e questo ci porta ad assumerlo in svariate proporzioni ogni giorno. Lo troviamo nelle fette biscottate, in alcuni salumi confezionati, negli yogurt alla frutta, in alcuni alimenti surgelati, in alcune tipologie di pane in cassetta, nei sughi pronti e così via.

Contatta anche tu lo studio Bionutrimed - Nutrizionista a Catania e ritrova il corretto stile alimentare per una vita sana ed equilibrata.

2
Come usare le spezie in cucina

Le nostre ultime recensioni su Google