L'Alimentazione è Equilibio

Stile di vita equilibrato

Quando si parla di dieta, di stile di vita e di salute, una parola che ricorre spesso è EQUILIBRIO.

L’uso della parola oggi è molto vago e forse troppo scientifico, ma l’aspetto più importante è basato sulla comprensione che un equilibrio dinamico crea energia.

Mi riferisco, ad esempio, all’equilibrio tra il riposo della notte e l’attività durante il giorno che ci permette di mantenerci energici e creativi, oppure la giusta armonia tra energia maschile e femminile crea la dinamica dell’energia sessuale, che permette la perpetuazione della specie.

bionutrimed studio nutrizione catania equilibrio salute

Ed ancora, nell’atmosfera, alta e bassa pressione interagiscono per creare il vento, acqua calda e fredda per creare correnti nell’oceano. Ovunque c’è energia. 

Tutto questo esiste anche nell’alimentazione e nello stile di vita. L’equilibrio sta tra la restrizione alimentare e l’abuso del cibo.

Come mantenersi in forma senza strafare

Spesso, pur di mantenersi in forma, ci si ritrova a seguire diete restrittive e drastiche che non rispettano il nostro corpo e che altrettanto spesso, ahimè, falliscono. Questo non fa soltanto male al corpo ma influisce negativamente sul nostro equilibrio psicofisico.

L’obiettivo che ci si propone è, difatti, quello di insegnare alla persona a sviluppare uno stile di vita sano che non si rifaccia solo alla corretta alimentazione ma che si generalizzi diventando un nuovo e più efficace approccio alla vita e che, soprattutto, si mantenga nel tempo.

Importanza di un piano alimentare adeguato

Un piano alimentare adeguato nel tempo fa prendere consapevolezza delle emozioni e dei bisogni, insegna a distinguere e a comprendere come molto spesso quella che definiamo fame non è fisiologica ma emotiva e nasce in risposta all’emergere di stati emotivi come ansia, irritabilità, noia, ecc.

Molte volte le persone tendono ad usare il cibo per far fronte alle emozioni che incontrano ogni giorno. Questa particolare condizione viene definita dagli studiosi del comportamento alimentare con il termine “fame nervosa” (eating emozionale).

In questo caso il cibo perde la sua funzione di nutrimento piacevole e diviene un atto riempitivo, una consolazione, una distrazione che nell’immediato può darci la sensazione di sollievo ma a lungo termine ci allontana dalla risoluzione dei problemi e dalla conoscenza vera dei nostri bisogni.

E’ importante sottolineare che questo comportamento non è prerogativa solo di chi ha problemi di sovrappeso.

bionutrimed studio nutrizione catania equilibrio piano alimentare

Come seguire un corretto piano alimentare

Il segreto è imparare ad ascoltarci, fermarci un attimo e chiederci se il cibo quello di cui abbiano bisogno in quel momento o se il nostro “nutrimento” non vada ricercato altrove.

Un corretto piano alimentare pensato solo ed esclusivamente per la persona, tanto da procedere insieme ad essa, insegnano a questa i principi di una sana alimentazione che si mantenga nel tempo e, contemporaneamente, la aiuti a sviluppare la consapevolezza delle proprie emozioni imparando a gestirle efficacemente.

Attraverso l’ascolto si sarà in grado di scegliere lucidamente verso quale strada indirizzarsi rafforzando quindi la capacità di risoluzione dei problemi e recuperando il vero piacere del mangiare.

Non bisognerebbe mai dimenticare che il cibo è il principale strumento tramite cui il nostro corpo cambia, si modifica e migliora se ce ne prendiamo cura nel modo giusto. Da qui la famosa e sempre attuale affermazione del filosofo tedesco Ludwig FeuerbachSiamo ciò che mangiamo”.

Le nostre ultime recensioni su Google